Sensori di posizione angolare per sistemi di assemblaggio

I sistemi di assemblaggio a bracci paralleli di Möve-Metall sono dotati dei sensori di posizione angolare RI di Turck per garantire che le viti siano inserite esattamente secondo le specifiche

Con i sistemi di assemblaggio e collaudo, l'azienda Möve-Metall GmbH, con sede a Mühlhausen, in Germania, fornisce alle aziende del settore automotive prodotti privi di difetti. Quando un processo di produzione richiede interventi manuali, le macchine e i dispositivi della Turingia tedesca garantiscono condizioni di assemblaggio precise. Ciò comprende anche l'avvitamento dei sedili delle auto grazie a vari dispositivi di assemblaggio a bracci paralleli, le cui posizioni vengono rilevate dai sensori a posizione angolare RI di Turck.

  • Con una risoluzione di 0,09°, i sensori RI di Turck assicurano tutta la precisione che occorre

  • I sensori di posizione angolare RI senza contatto di TURCK rilevano la posizione esatta del braccio

Möve-Metall, azienda della Turingia (Germania), produce dispositivi di assemblaggio a bracci paralleli o altri cosiddetti bracci di reazione. Möve-Metall progetta e produce dispositivi di assemblaggio e collaudo destinati a fornitori di componenti per auto. L'azienda ha sviluppato un braccio parallelo con rilevamento della posizione utilizzato nei processi di assemblaggio. Il sistema consente la misurazione della posizione dei processi di avvitamento di viti e rivetti e previene in modo ripetibile l'assemblaggio errato dei componenti.

"Un dispositivo di avvitamento è fissato al braccio parallelo. L'operazione si basa sul principio del parallelogramma e garantisce il posizionamento preciso e coerente del dispositivo di avvitamento", afferma Michael Zimmermann, direttore tecnico dell'azienda. Il monitoraggio della posizione in corrispondenza dei tre giunti del braccio parallelo è assicurato dai sensori di posizione angolare induttivi di Turck. Questa configurazione offre l'ulteriore vantaggio di poter misurare le forze coinvolte nei processi di assemblaggio. In questo modo si elimina l'effetto delle coppie di reazione.

I parametri di ogni serie di viti sono memorizzati nel modulo di controllo. Per avvitare la prima vite, l'operatore guida il braccio nella posizione appropriata. Il modulo di controllo registra la posizione corretta e fornisce il consenso per l'alimentazione o l'aria compressa per il dispositivo di avvitamento (primo consenso). L'operatore avvita la vite finché il modulo di controllo non ha registrato il numero richiesto di rotazioni del dispositivo di avvitamento (secondo consenso) e la coppia richiesta è stata raggiunta (terzo consenso): in questo modo si garantisce che la vite sia posizionata correttamente. Solo dopo aver ricevuto questi tre consensi, il modulo di controllo consente l'avvitamento della vite successiva: se la sequenza è stata programmata in anticipo, è possibile installare solo la vite memorizzata nel modulo di controllo come seconda vite.

Sensori tolleranti

"Il monitoraggio della posizione è relativamente nuovo. Offre un ulteriore livello di sicurezza per il processo di assemblaggio ed è anche facile da implementare grazie al sensore di posizione angolare induttivo. Un grande vantaggio del sensore Turck è il funzionamento senza contatto, che non richiede alcun collegamento meccanico con l'elemento di posizionamento. La tolleranza di quattro millimetri per l'offset dell'elemento di posizionamento aiuta notevolmente nel processo di assemblaggio: in questo modo non è più necessario procedere con una precisione così alta né proteggere il sensore dal contatto, poiché piccoli urti non compromettono la misurazione", spiega Zimmermann.

Un altro vantaggio del sensore di posizione angolare RI è l'immunità ai campi magnetici e agli ambienti metallici. La maggior parte degli altri sensori sul mercato presenta una connessione meccanica tra l'encoder rotativo e il sensore oppure è molto sensibile agli ambienti magnetici prodotti da grandi motori o da apparecchiature per la saldatura.