Tracciabilità RFID

In che modo l'industria automobilistica trae vantaggio dall'uso della tecnologia RFID - dalla fornitura alla consegna

Per oltre due decenni, il settore automobilistico ha utilizzato soluzioni RFID, principalmente a scopo di identificazione nei sistemi di trasporto dei componenti delle vetture. Grazie al miglioramento della tecnologia e delle conoscenze in campo automobilistico dello specialista in tecnologia RFID Turck, nel settore oggi si valuta la necessità di dotare ogni singolo pannello e componente del veicolo con supporti per dati, per trarre vantaggio dalle possibilità di identificazione e di controllo qualità continue lungo l'intero processo produttivo

  • Molte case automobilistiche stanno valutando l'uso di soluzioni RFID

Uno dei principali vantaggi della tecnologia RFID: l'utente può rilevare le caratteristiche di autenticità e riscriverle su un supporto per dati. I supporti per dati (noti anche come tag) accompagnano il componente lungo l'intero ciclo di produzione o di test della qualità; i dati rilevanti vengono automaticamente trascritti sul tag e letti al termine del ciclo di produzione. Assieme al prodotto finito, è disponibile anche un protocollo di gestione della qualità indicante tutte le fasi di produzione del prodotto, oltre al test di qualità.

Altro vantaggio della tecnologia RFID è la minore sensibilità alle interferenze ambientali del trasferimento delle informazioni tramite onde radio elettromagnetiche. Mentre i codici a barre stampati applicati esternamente diventano inutilizzabili per le alte temperature, lo sporco o l'umidità, gli speciali supporti per dati RFID e i robusti scanner consentono l'uso dei sistemi RFID in condizioni ambientali molto difficili o attraverso mezzi non trasparenti.

Ripensare i sistemi di produzione nel settore automotive

 I tag adatti ad alte temperature sono applicati a un carrello detto skid, che trasporta la struttura del veicolo lungo le fasi di produzione. In questo modo è possibile tenere traccia del percorso del veicolo dal telaio all'assemblaggio finale, a condizione che venga mantenuto lo stesso sistema di trasporto: i nastri trasportatori, principalmente monorotaia, gli skid o gli altri supporti per il corpo del veicolo e i componenti più grandi, quali motori o gli assali.

Se un supporto per dati è saldamente fissato alla carrozzeria del veicolo all'inizio del processo di produzione, sarà possibile identificarlo con certezza in qualsiasi momento, dalla realizzazione del telaio alla verniciatura, all'assemblaggio finale, per terminare con la consegna.

Per l'identificazione della carrozzeria è necessario un sistema UHF

Quando i sistemi di trasporto sono dotati di tag, le distanze predefinite tra un supporto per dati e le testine di lettura/scrittura sono relativamente brevi. Se un tag è fissato direttamente alla carrozzeria del veicolo, la portata risulta inevitabilmente più grande, in genere tra i 30 e i 100 cm. Per questo motivo, non è possibile utilizzare sistemi HF poiché la portata di trasmissione è limitata a 20 cm. La soluzione al problema risiede nelle onde UHF, compatibili con portate fino a tre metri.

Dal fornitore all'assemblaggio finale

Il fatto che le sfide UHF possano essere vinte e abbiano portato a una notevole riduzione dei prezzi dei supporti per dati ha convinto molte case automobilistiche a dotare le linee di produzione dei prossimi modelli di tag sulla carrozzeria dei veicoli, consentendone l'identificazione lungo l'intero processo, dalla realizzazione del telaio alla verniciatura. Ma non è tutto: In altri progetti a cui Turck prende parte, si sta testando la possibilità di dotare anche i componenti in arrivo dai fornitori con tag RFID, ottimizzando così l'intero processo di produzione fino all'assemblaggio finale grazie all'identificazione wireless.