Trasduttore di temperatura montato su barra DIN

  • Centinaia di trasduttori di temperatura universali IM34 provvedono al trattamento dei dati di misura

  • Organizzazione perfetta: i trasduttori di temperatura IM34 compatti sono veloci da montare e collegare

  • Raffineria di petrolio BP Lingen Emsland

La barra DIN sostituisce la tecnologia a 19"

 La temperatura è fra i più importanti parametri di processo per la raffinazione del petrolio greggio La sostituzione dei trasduttori di temperatura installati negli anni 1980 è stato un argomento ricorrente presso la raffineria BP di Lingen, in Germania. Diversamente dai traduttori di 19" utilizzati nel corso di questi anni nella sala comandi, per questo progetto BP Lingen sta adottando dei dispositivi di interfaccia moderni per il montaggio su barre DIN. “La tecnologia a 19" va scomparendo dai nostri impianti, perché nel nostro caso una soluzione su barra DIN costa di meno e riduce sensibilmente i tempi di montaggio, tutto qui”, ha dichiarato Nitschke. “Quando occorre posso sostituire i dispositivi di diversi produttori senza problemi: basta rimuovere il vecchio dispositivo dalla barra e sistemare quello nuovo, collegare l'alimentazione, il segnale di ingresso e uscita, e il gioco è fatto”.

Nonostante la moltitudine di prodotti fra cui scegliere, per sostituire la tecnologia a 19" gli esperti BP hanno volutamente selezionato il trasduttore di temperatura IM34 di Turck. “All'epoca abbiamo considerato i prodotti di diversi fornitori leader e poi abbiamo scelto Turck“, spiega Holger Nitschke. “Oltre all'eccellente rapporto costi/benefici, il design compatto e la semplicità di montaggio sono stati fattori importanti, perché lo spazio nella sala comandi è sempre più costoso”. 

La modernizzazione della tecnologia di misurazione della temperatura non deve necessariamente comportare un'installazione completamente nuova, come mostra l'esempio della raffineria di Lingen. Con la tecnologia giusta, i requisiti attuali possono essere soddisfatti con la semplice sostituzione del trasduttore di temperatura. “In passato molte misurazioni venivano eseguite con termocoppie di tipo K. È per questo motivo che anche negli stabilimenti più vecchi è presente un'elevata quantità di cavi in nichel-cromo/nichel tra le sale comandi e l'impianto. È possibile continuare a utilizzare tutti i cavi già presenti nello stabilimento, sensori inclusi", ha spiegato Nitschke.

L'IM34 elabora vari tipi di segnali in ingresso

In aggiunta alle termocoppie, i sensori di temperatura Pt100 basati sulla variazione di resistenza del platino in base alla temperatura vengono utilizzati sempre più diffusamente per i processi di automazione. Essendo un termometro a resistenza per temperature comprese fra -200 e 500 °C, il Pt100 è più preciso di una termocoppia. La termocoppia, però, è adatta per un range di temperatura più ampio. A prescindere dal processo di misurazione impiegato, l'IM34 in quanto trasduttore di temperatura universale elabora i segnali in ingresso provenienti dalle resistenze Ni100/Pt100 come pure termocoppie o segnali in millivolt. Il dispositivo unisce questa capacità universale all'elevata funzionalità di un registro dati liberamente configurabile e la semplicità di programmazione di un'interfaccia PC. Il DTM (Device Type Manager) per l'IM34 è stato sviluppato in base alle linee guida attuali sul design del gruppo FDT.