Sensori per saldatura e assemblaggio

FAW Volkswagen si affida ai sensori uprox+ per processi di saldatura e assemblaggio precisi e affidabili presso le sue linee di produzione automobilistiche in Cina

 I requisiti richiesti alle linee di produzione automatizzate dai costruttori di veicoli sono sempre più rigorosi. I clienti desiderano soluzioni esclusive, di alta qualità e personalizzate. Nuovi materiali, tecnologie di produzione e livelli di automazione richiedono l'aggiornamento costante delle soluzioni di automazione. Per i processi di saldatura e assemblaggio nei suoi impianti di produzione cinesi, FAW-VW ha impiegato una soluzione versatile e affidabile: i sensori uprox+ di Turck. 

  • I sensori uprox+ senza nucleo di ferrite hanno la stessa distanza di commutazione con tutti i metalli

  • Anche i processi di saldatura non possono influenzare negativamente i sensori uprox+ 

Per assicurare efficienza nella produzione di automobili di alta qualità come la nuova Sagitar o le linee di veicoli Magotan della Volkswagen, FAW-VW Automobile Co., Ltd. – una joint venture tra la First Automotive Works di proprietà del governo cinese, la tedesca Volkswagen AG, Audi AG e Volkswagen Automobile (China) Investment Co., Ltd. – si affida a Turck per la tecnologia dei sensori. 

Elevate esigenze imposte sui sensori

 Durante il rapido sviluppo dell'industria automobilistica cinese, le esigenze dei clienti sono diventate sempre più pressanti in termini di qualità, funzionalità ed efficienza. Ciò ha portato FAW-VW, come tutti i produttori del settore automobilistico, a utilizzare nuovi materiali e tecnologie per rendere la produzione flessibile, con diversi tipi di veicoli e modelli realizzati presso un unico stabilimento. La tecnologia utilizzata per i sensori non fa eccezione a questa regola. Per poter rilevare le posizioni dei pezzi nelle varie fasi della produzione automatizzata, quali stampaggio, verniciatura, saldatura e assemblaggio finale, i sensori devono essere robusti, versatili ed economici, tutti requisiti che i sensori Factor 1 della gamma uprox+ soddisfano ampiamente. 

 Factor 1 per tutti i metalli

 

 Factor 1 per tutti i metalli Grazie alla tecnologia multi-bobina, i sensori progettati per soddisfare il grado di protezione IP68 rilevano tutti i metalli senza alcun fattore di riduzione, che si tratti di ferro, acciaio inossidabile, rame, alluminio o ottone. Oltre a ciò, rispetto ai tradizionali sensori con nucleo di ferrite, uprox+ ha consentito a FAW-VW di rilevare tutti i metalli impiegati nelle linee di produzione con distanze di commutazione notevolmente superiori ai 50 mm (FAW-VW utilizza la serie Ni50U-CK40), offrendo così una maggiore libertà di installazione e applicazione. Un ulteriore vantaggio dei sensori Factor 1 commercializzati da Turck (Tianjin) Sensor Co., Ltd. (TTS) in Cina è il fatto che con i pochi tipi di sensori adatti a più applicazioni all'interno della linea di produzione, la casa automobilistica sia stato in grado di semplificare e ridurre il costo delle scorte di magazzino. 

 Una delle aree applicative più complesse negli impianti FAW-VW è l'assemblaggio mediate saldatura. Nella linea di produzione complessiva, i singoli componenti dei vari modelli di berline passano fino a 5.000 punti di saldatura a punti. Per il monitoraggio delle sequenze di movimento automatizzate, FAW-VW si affida ai sensori serie MT di Turck. Montati sui bracci dei robot, gli speciali sensori rivestiti in teflon controllano continuamente la posizione del robot rispetto al pezzo. Nei processi di assemblaggio per saldatura, non solo sono richieste distanze di commutazione elevate per rilevare tempestivamente, ed eventualmente correggere, la posizione del pezzo, ma anche un'eccellente schermatura dalle condizioni ambientali esterne. Poiché i sensori uprox+ non contengono nucleo di ferrite, sono insensibili ai forti campi magnetici, quali quelli generati durante il processo di saldatura, a seguito di scintille o usura meccanica.