Sistemi di identificazione per lo stoccaggio di prodotti alimentari

  • L'azienda produttrice di alimenti utilizza il sistema RFID per controllare e tracciare i materiali

  • Ogni pallet è dotato di un supporto per dati RFID resistente applicato al ponte centrale

  • La testina di lettura/scrittura raccoglie i dati e li trasmette via wireless al PLC tramite I/O BL67

Un'importante azienda cinese operante nel settore alimentare era alla ricerca di un sistema di gestione dei materiali in tempo reale che consentisse di tenere traccia e controllare i trasferimenti di materie prime tramite la tecnologia RFID. Il sistema deve valutare le informazioni dal database del magazzino e assegnare i singoli pallet a scorte specifiche. I dati vengono quindi scritti da una testina di lettura/scrittura che li rileva dal supporto dati sul pallet tramite RFID.

 Successivamente, il PLC assegna automaticamente le aree di magazzino ai pallet e guida il carrello elevatore per stoccare i prodotti nelle posizioni corrispondenti. Il carrello elevatore, dotato anch'esso di testina di lettura/scrittura combinata, memorizza la posizione e i dati sul prodotto nel sistema centrale.

Per garantire un'elevata disponibilità, il sistema supporta la ridondanza dei dati centrali e decentralizzati. Per processi in uscita si applica il principio FIFO (First-In-First-Out). Il sistema guida automaticamente il carrello elevatore per trasportare i materiali alle linee di produzione corrispondenti in funzione delle attività previste. Durante il trasporto, la testina di lettura/scrittura sul carrello elevatore verifica il supporto per dati sul pallet per determinare se è richiesto il materiale. In caso di errore, il sistema genera un allarme e indica automaticamente quali misure adottare per risolvere la situazione.

Pallet digitalizzati

 I tag RFID sono già integrati nei pallet. Ciò rende il sistema facile da implementare, consentendo una gestione digitale precisa di grandi quantità di merci. Gli operatori non hanno bisogno di stampare preventivamente i codici a barre, incollarli sui pallet e acquisirli con il relativo lettore. Per i pallet dotati di tag tutto avviene durante la procedura di lettura/scrittura.

I tag RFID possono essere applicati anche in zone con condizioni ambientali difficili. Ciò in quanto graffi e macchie sulle loro superfici non ne influenzano il funzionamento. I tag sono riciclabili e possono essere utilizzati anche sotto la pioggia. Inoltre un tag UID specifico migliora la precisione quando occorre individuare i prodotti.

La produzione del glutammato di sodio avviene in un ambiente di produzione umido. Le materie prime polverose vengono stoccate separatamente dalla zona di produzione. Il sistema deve essere in grado di funzionare perfettamente sia in condizioni asciutte e polverose, sia in un ambiente umido. Per questo motivo l'azienda utilizza i gateway fieldbus BL67 di Turck con il modulo RFID BL ident dotato del grado di protezione IP67. È collegato al carrello elevatore e, grazie al grado di protezione IP67, può operare in entrambe le condizioni ambientali. Come in genere richiesto per il settore alimentare, i tag devono presentare il grado di protezione IP68 poiché le materie prime entrano in contatto diretto con i pallet. Una testina di lettura/scrittura BL ident collegata al carrello elevatore consente la lettura e la scrittura dei dati durante il trasporto.

Connessione wireless dei carrelli elevatori

La sfida maggiore in questo progetto è stata la connessione dei gateway sui carrelli elevatori al livello di controllo. Dopo diverse discussioni e tentativi, Turck ha suggerito l'uso di una rete Ethernet wireless che consentisse la comunicazione tra i gateway programmabili e il livello di controllo.

Maggiori informazioni