Carrello autoguidato per la produzione di sospensioni pilotato mediante RFID

Turck fornisce a Movexx la maggior parte dei componenti per l'automazione necessari per un veicolo autoguidato, tra cui la programmazione del controller Codesys nell'interfaccia VT250

Per la produzione di sistemi di sospensione presso l'azienda olandese VDL Weweler, un carrello autoguidato (AGV) fornito da Movexx trasporta i componenti dei sistemi di sospensione dall'area di produzione di base alla linea di verniciatura. L'interfaccia VT250 di Turck con controller Codesys consente al veicolo di trovare la destinazione grazie a sensori fotoelettrici, sistema RFID, sensori di posizione angolare e sistemi di indicazione dello stato, il tutto dalla gamma prodotti Turck. Turck B.V. ha dimostrato tutta la sua esperienza fornendo molto più dei singoli componenti: una soluzione completa, comprendente anche la programmazione per il controller. Da quando i carrelli autoguidati sono entrati nel processo di produzione, il tasso di errori nel trasporto di componenti è rapidamente sceso.

  • Grazie al wireless il carrello riceve l'ordine di trasferire il telaio alla linea di verniciatura

  • I tag RFID che forniscono le informazioni sulla posizione al carrello sono integrati nel pavimento

  • ''Per noi la soluzione doveva essere la più flessibile possibile'' Bert Eilander, VDL Weweler

  • L'interfaccia Turck VT250 comunica in modalità wireless con l'IMS e controlla tutti i sistemi del veicolo

  • Il sensore di posizione angolare senza contatto misura l'angolo di sterzata nel motore

  • Installate tre fibre con amplificatori per consentire il controllo bidirezionale in ciascuna direzione

Il fornitore per il settore automobilistico e camionistico VDL Weweler di Apeldoorn in Olanda desiderava automatizzare il sistema di trasporto senza richiedere sforzo fisico, ed eseguibile su richiesta del sistema di produzione.

I pianificatori della produzione incaricati hanno riscontrato la necessità di ottimizzare il trasporto degli elementi di supporto e delle sospensioni per rimorchi di camion. Fino alla metà del 2015, questi componenti venivano ancora trasportati tra l'area di produzione di base e la linea di verniciatura con carrelli elevatori.

Trasporto manuale impreciso

Lo svantaggio di questa soluzione era il fatto che richiedeva un grosso sforzo fisico da parte dei dipendenti. Inoltre, i colleghi non potevano sempre lavorare con la stessa precisione di un veicolo autoguidato, quindi la produzione ne risentiva. Nel 2014, i responsabili di VDL Weweler hanno quindi deciso di automatizzare il trasporto dei telai.

Movexx sviluppa un nuovo carrello autoguidato

 I responsabili dell'azienda VDL Weweler si sono rivolti agli specialisti del trasporto Movexx International BV per sviluppare una soluzione di trasporto automatizzata. Movexx è un produttore olandese di carrelli industriali con esperienza nella realizzazione di veicoli su misura per il cliente. Il produttore aveva già sviluppato e costruito i cosiddetti AGV (carrelli autoguidati). Tuttavia, per questo compito era necessario sviluppare una nuova soluzione.

L'AGV doveva spostarsi in entrambe le direzioni poiché dalle stazioni di destinazione era possibile uscire solo in retromarcia. La piattaforma di sollevamento idraulica alza il telaio di due centimetri dal pavimento per trasportarlo.

Soluzione di automazione completa di Turck B.V.

Per sviluppare il veicolo di trasporto, Andreas Versteeg ha coinvolto Turck già dalla fase di progettazione. Movexx aveva già utilizzato nei suoi prodotti i sensori e gli indicatori a LED Turck. Tuttavia, questo progetto richiedeva anche esperienza nella soluzione e componenti sofisticati.

La sfida più grande era costituita dal controllo bidirezionale dell'AGV nel reparto produzione. Turck suggerì un controllo combinato con striscia di contrasto a tecnologia RFID.

Sistema RFID per il controllo della destinazione

Un sistema di line tracking dalle prestazioni ottimali è stato utilizzato in combinazione con tag RFID posti sotto la pavimentazione dell'area di produzione, in punti chiave lungo il percorso. I tag in corrispondenza dei punti di svolta indicano al carrello se proseguire nella guida o arrestarsi. Il carrello non prende decisioni autonome. L'intelligenza è nella rete connessa al carrello con un IMS (Integrated Manufacturing System) di alto livello che istruisce il carrello sulla destinazione da raggiungere.

Il PLC-interfaccia VT250 di Turck opera sul carrello autoguidato. Comunica con l'IMS tramite una connessione TCP/IP wireless e risponde come master Profibus con un gateway BL20 dotato degli ingressi e delle uscite a cui sono collegati tutti i segnali del veicolo.